top of page

La profezia di Michele

E' con grande emozione che divulghiamo questo stralcio di un articolo che il nostro conterraneo Michele Saponaro (San Cesario di Lecce, 1885Milano,1959), scrittore e biografo illustre, pubblicò sul Corriere della Sera il 21 marzo 1931.

Ci ha colpito al cuore leggerlo oggi, a più di novant'anni da quando lo scrisse, pensando al nostro paesaggio inesorabilmente stravolto e mutato, ma sopratutto ci ha sorpreso la riflessione che fa il Saponaro della visione di paesaggio che avrebbero avuto le generazioni future (dunque le nostre) e quanto questa nuova prospettiva si sarebbe intrecciata con il nuovo modus di incontrarsi e di stare insieme, attraverso le "antenne delle stazioni ultrapotenti" che a noi han fatto venire in mente il WEB, Facebook, Istagram e chi più ne ha ...ma insomma: Buona lettura!

Testo tratto da

Olivi di Puglia («Corriere della Sera», 21 marzo 1931);


….Lungo tutto il litorale dell’Adriatico treni e olivi s’inseguono o si vengono incontro a vicenda. Quel dimenarsi dei rami ritorti e nodosi è veramente un gesticolo di saluti, una smania di abbracciamenti. Emersioni qui e là di vigna, di orti, di campi, poi l’oliveto si distende, dilaga, quasi a sommergere ogni altra vegetazione. Foresta ariosa, regolare e solare.

La terra cerca di sfuggire al mare, si contrae verso il promontorio di Leuca, e gli olivi acquistano importanza. Quanti secoli? Sono certo antichissimi, rami enormi e chiome rade.

Se altre testimonianze non ci fossero, mura e tombe, essi da soli starebbero ad attestare dell’antichità della regione. Tronchi spaccati e scoppiati, grotte profonde scavate entro la ceppaia.

Sono piantati a grande distanza l’uno dall’ altro. Lunghe file diagonali di colonne tortili e barocche, a perdita d’occhio, sostengono il padiglione del cielo, ch’è tutto un ricamo di foglioline infilato da lunghi raggi di sole.

Schieramento di colossi. La boscaglia è una moltitudine in tumulto, un modo di manifestarsi con grandezza e autorità della natura misteriosa.


L’oliveto, piantato e allevato dall’uomo, è un bosco che vive di vita propria, staccata dalla natura, piena di consapevolezza e dignità. E l’albero, docile o indifferente, dà tutto quello che gli si chiede, oltre l’olio per le mense e per gli altari: fascine per i forni, legna per i focolari, carbone per i bracieri, materi per i canestri e per le sporte.


Non è un individuo quest’albero, è una famiglia: ogni anno qualcosa in lui nasce e qualcosa muore. E chi sa se saran più le nascite o i decessi. Forse ancora le nascite. Per quanto il cimatore di ciocchi rami sprocchi e virgulti, per quanto il boscaiolo scheggi e rosicchi tronchi e bronchi, ogni primavera sfigliola dai ceppi nuovi polloni e riempie le chiome diradate di novella vegetazione.(…)

Ragazzo, ricordi quell’ odore che ti fa chiudere gli occhi appena metti i piedi fuori di casa, un odore amarognolo di legno intriso di pioggia, di cortecce rigonfie e screpolate, di fronde peste che non si sa che cosa sia e viene dall’oliveto sbattuto dall’ acquazzone? (…)

Ricordi, ragazzo che hai adocchiato la donzelletta tua coetanea, la dolce sorpresa di ritrovarvi insieme nel cavo di un tronco d’olivo - che è una premeditata sorpresa - annidati, rannicchiati entro il guscio del legno scabro, ginocchia contro ginocchia, viso contro viso? … Ieri?

lo penso a quegli altri ragazzi che inutilmente cercheranno un covo ospitale, dove (...) ci si possa per la prima volta trovare a convegno involontario e sentir piacere di tenersi stretti l’uno all’ altra e non aver paura dell’aria che si fa nera né dei caprai che passano e non vedono.

Ma la natura è più forte degli uomini e del tempo: non si saprà mai quando essa si servirà degli uomini e del tempo per ringiovanire gli oliveti che sembrano in agonia per far crescere e fruttificare alberi nuovi dove pareva stesse per estinguersi una eredità di secoli.

Se non che i giovani amanti ne faranno a meno, poiché avran preso l’abitudine di darsi convegno a volo tra le nuvole protettrici; e il giorno che traboccherà su la terra un nuovo diluvio la colomba annunziatrice del sereno recherà nel becco un fil di ferro strappato alle antenne delle stazioni ultrapotenti.


Comentarios


Recent Posts
Archive
bottom of page